Sleeping Angel [La vita ti accarezza lieve]

Pubblicato: 28 luglio 2007 in Storie & C., Telling Tales...
Tag:, , ,

   Si alzò delicatamente dal letto… piano, senza far rumore. Non voleva svegliarla. La ragazza giaceva distesa lì accanto, abbandonata, colma di quella felice spossatezza che coglie quelle fortunate persone che hanno appena vissuto appaganti momenti di intimità.

   Si avviò verso la doccia, un po’ intontito, quasi barcollando. Si voltò a guardarla prima di varcare la porta. L’espressione di lei era serena, i suoi occhi chiusi concentravano l’attenzione su un disegno della sua bocca che era quasi un sorriso. Dormiva del sonno dei giusti, si sarebbe detto un tempo. Il sonno di chi ha raggiunto un importante obiettivo, e ne sta godendo i frutti. E il sonno di chi sa che la vita, nonostante tutte le pene in cui anneghiamo giorno dopo giorno, può ancora riservarci splendide intensità.

   Lasciò scorrere l’acqua tiepida sulla pelle, assaporandone la rilassante carezza. La stanchezza scivolò via assieme alla schiuma, portando via con sé molti dei fastidiosi pensieri che avevano accompagnato la sua giornata. Il profumo che emanava da quelle bollicine scoppiettanti avvolse le sue narici, riportandogli alla mente un fiotto di indefiniti ricordi, che però preferì ignorare.

   Era l’hic et nunc quello che voleva, in quel momento. Solo adesso, solo il presente. Niente memorie, né, meno che mai, prospettive per i giorni a venire. Voleva godersi quella sensazione di avvolgente tranquillità, e non gli interessava nessun’altra delle tormentate direzioni che la sua mente tentava di intraprendere.

   Fantasmi, quelli che da sempre gli si affollavano intorno, cercavano da troppo tempo di soffocarlo, di deviarlo da ogni possibile direzione di piacevolezza. La lotta era sempre stata dura, il dolore non accennava mai a smettere, e tenerlo a bada era un’impresa a dir poco titanica. Ma, volta dopo volta, la sua testarda inquietudine riusciva nonostante tutto a rendere silenti le ferite, a dare energia a gambe spossate, a calciar via i rottami di vite passate che tentavano di seppellirlo.

   Interruppe il flusso dell’acqua, indossò l’accappatoio e tornò in camera a rivestirsi. Lei dormiva ancora, morbida nella sua indifesa purezza. Serena, di una serenità quasi contagiosa.

   Improvvisamente, lui si sentì invadere da un senso di gratitudine nei suoi confronti. Quella notte – l’ennesima – di sesso e tenerezza, quella condivisione di anime e di corpi, era stata un’altra importante sferzata, un’altra scarica di magici proiettili per scacciar via quei fantasmi.

   Le doveva molto: la sua dolcezza, le sue risate, i suoi abbracci, le sue attenzioni… erano – tutti quanti – una miracolosa cura per la sua anima: quell’anima così nera, sanguinante, lacera, stava finalmente conoscendo un po’ di pace. Certo, non pretendeva l’assoluta tranquillità, la totale guarigione. Pure utopie, entrambe. Ma di certo, finalmente poteva respirare boccate di ossigeno privo di quel veleno che troppe persone fino a quel momento l’avevano aiutato ad inalare così profondamente.

   La guardò con occhi traboccanti dolcezza. Le si avvicinò, le diede un delicato bacio sulla schiena nuda. Finì di vestirsi, sorridendo.

   Tra un po’ l’avrebbe riaccompagnata a casa, ma non sarebbe finito tutto lì. Lei sarebbe stata dentro di lui anche nella sua strada verso il ritorno, e con lui nel suo sonno ristoratore. E ci sarebbe stata anche il giorno dopo, sempre accanto alla sua anima. E l’altro ancora.

 

[Wanderer, 28/07/2007, 03:17]

Annunci
commenti
  1. Elena ha detto:

    Qualcosa mi dice che anche lui è sempre dentro di lei…e lei gli è immensamente grata proprio perchè le permette di regalargli sorrisi, dolcezza, attenzioni, amore…..

    Mi piace

  2. Wanderer ha detto:

    Dovrei essere sorpreso per cotanto intuito da parte tua… o forse quanto meno fingere di esserlo, vero? 😛
    Sei adorabile… come sempre. :**

    Mi piace

  3. Elena ha detto:

    Sarò adorabile…ma tu sei stupendo.
    Ti adoro  

    Mi piace

  4. NENA ha detto:

    siete carinissimi… vi invidio.. anche io ho provato poco tempo fa queste sensazioni.. ma ora sono solo un ricordo. forte.. devastante..ke resterà sempre con me.. nonostante tutto…
    Buona fortuna..
    kiss 

    Mi piace

  5. Elena ha detto:

    Grazie Nena 🙂 
    Vedrai che oltre al ricordo avrai dinuovo l\’occasione di vivere queste sensazioni. Te lo auguro di cuore.
    Buona fortuna anche a te.
    Un bacio

    Mi piace

  6. Noemi ha detto:

    quanta dolcezza.
    le lacrime sono scese giù, già, devastanti è laparola giusta.
     
    Non smettete mai di essere così carini, questa è la vita…
    Emi. 

    Mi piace

  7. Wanderer ha detto:

    Le lacrime intrise di tenerezza sono le più belle, vuol dire che sono riuscito a toccare il tuo cuore.
    E considerato quanto è infinitamente bello il tuo cuore, posso solo esserne felice.
    Un bacio, cucciola…

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...